Come Leggere Indici di Borsa

Che cosa è l’indice di Borsa e come è possibile “leggerlo” correttamente, ottenendo da tale indicatore statistico le principali informazioni sul suo andamento? Cerchiamo di comprendere come è costruito un indice borsistico e come viene influenzato il proprio trend, con particolare riferimento all’indice che, nelle nostre analisi quotidiane, cerchiamo di evidenziare con riferimento alla Borsa italiana: FTSE MIB, sicuramente il più significativo indicatore di Piazza Affari.
Cosa è l’indice di Borsa

Borsa italiana
L’indice di Borsa è il risultato sintetico dell’andamento di un paniere di titoli sottostanti. Nel nostro esempio, FTSE MIB è un indice composto da un paniere di titoli azionari, nella fattispecie rappresentati dalle 40 società italiane a maggiore capitalizzazione, quotate nei mercati regolamentati gestiti dalla Borsa italiana. Il suo trend, come vedremo tra poche righe, è quindi condizionato dall’andamento dei titoli sottostanti.
Il calcolo dell’indice di Borsa

Borsa italiana
Calcolare l’indice di Borsa non è difficile, ma occorre capire come sono pesati i titoli che compongono il paniere sottostante. Tre sono le metodologie principali: con la prima, ogni titolo ha un peso uguale all’altro, e non ha alcuna influenza la capitalizzazione societaria; con la seconda, il peso di ogni titolo dipende invece dal proprio prezzo; con la terza, invece, il peso è pari alla capitalizzazione di Borsa, ponderato con alcuni elementi di rettifica (es. in caso di gruppi).
L’andamento dell’indice di Borsa

Borsa italiana
Come conseguenza di quanto sopra, l’andamento dell’indice di Borsa sarà influenzato dall’andamento dei titoli sottostanti, che condizioneranno l’indicatore sulla base del peso ponderato all’interno del paniere. Può cioè capitare che l’andamento negativo di un singolo settore (ad esempio quello bancario) possa condizionare al ribasso l’intero indice, o viceversa.

Carta di Credito e Carta di Debito – Differenze

Quanto confusione sull’argomento, molti credono che siano la stessa cosa. A guardarle sono uguali, plastificate e con il logo di un istituto finanziario. Hanno un chip, si utilizzano allo stesso modo, e vengono accettate dallo stesso circuito. Entrambe offrono dei vantaggi, e la scelte tra le due dipende dalle singole esigenze.
Ma allora quali sono le differenze?

La principale differenza tra una carta di credito ed una carta di debito è la modalità con cui viene prelevato il denaro dal tuo conto, come e quando avviene l’addebito.

Quando utilizziamo una carta di debito facciamo un pagamento in contanti, ma elettronico. L’addebito sul conto avviene immediatamente, senza che noi entriamo in contatto con soldi contanti.
Vediamola così, con la carta di debito è come avere soldi contanti ridotti ad un supporto plastificato.

Se parliamo di circuito Pagobancomat parliamo di pagamenti con carta di debito. Così anche per i circuito Cirrus/Maestro (che si appoggia al circuito Cirrus, un network interbancario internazionale), Postamat (il circuito postale), Mastercard, Visa, Visa Electron. Sono questi i principali circuiti.

La carta di credito è diversa per il fatto che l’addebito non avviene subito, ma il mese successivo o oltre. Pagando con carta di credito ottieni un prestito momentaneo della banca, che anticipa la somma.
Un vantaggio della carta di credito è la possibilità di pagare per un ammontare totale mensile che superi le nostre disponibilità. In questo caso cè un limite di prelievo (credito) mensile che generalmente si aggira sulle 1.000-1.500 €, ed è una cifra che si può accordare con chi rilascia la carta. Qualora spendessimo per un ammontare che va oltre quello che abbiamo sul conto, dovremmo assolutamente depositare la somma spesa in più entro la fine del mese successivo.

I principali circuiti delle carte di credito sono Visa, American Express, MasterCard, Dinners Club.

Un’altra differenza sta nel fatto che l’utilizzo della carta di debito richiede sempre la digitazione del codice unico PIN, mentre pagando con carta di credito è sufficiente una firma.

Come Risparmiare sul Riscaldamento

In questa guida spieghiamo come risparmiare sul riscaldamento.

Sfiata i termosifoni
Prima dell’accensione invernale dei termosifoni ricordati di sfiatarli così l’aria rimasta all’interno uscirà permettendo all’acqua di scorrere completamente al loro interno. Eliminare l’aria evita di avere delle parti che rimangono fredde.

Revisiona la caldaia
Ricordati di revisionare la caldaia ogni 2 o 4 anni, oltre che un obbligo di legge è anche uno strumento per risparmiare. Una caldaia più efficiente permette di avere una miglior resa e un maggiore risparmio nei consumi.

Non coprire i termosifoni
Evita di coprire i termosifoni con oggetti o tende, il calore non riuscirebbe a diffondersi correttamente impedendo di raggiungere la temperatura corretta e obbligando la caldaia ad un continuo lavoro e quindi spreco.

Usa il timer
Installa dei termostati con timer, in questo modo potrai scegliere in quali ore entrerà in funzione la caldaia evitando che venga inutilmente prodotto calore quando non sei in casa durante il giorno o per periodi lunghi.

Spegni il riscaldamento di sera
Spegni il riscaldamento di notte: la sera fai in modo che entri in funzione il timer staccando il riscaldamento che sarebbe totalmente sprecato durante la notte.

Evita l’effetto tropici
Non esagerare con le temperature, evita l’effetto tropici che ritroviamo sempre nei negozi, la temperatura in casa potrebbe tranquillamente stare intorno ai 19 gradi. Questi sono i gradi perfetti per stare bene e strategici visto che un solo grado in più aumenterebbe abbastanza i consumi.

Usa il caminetto
Se hai un camino in casa comincia ad usarlo. Avere a che fare con questo sistema di riscaldamento implica forza di volontà che non abbiamo mai, ma se hai questo mezzo tanto vale utilizzarlo. La legna di per sé non è molto costosa e il caminetto riscalda moltissimo, perchè non approfittarne.

Verifica i serramenti
Verifica che i tuoi serramenti siano isolanti e non ci siano spifferi. Se ti è possibile installa i doppi vetri in tutte le finestre così il calore rimarrà maggiormente all’interno della casa.

Riqualificazione energetica
Un lavoro di questo tipo rientra in quella che un recente decreto chiama di riqualificazione energetica. Potresti riuscire a detrarre del 55% le spese sostenute per questo genere di interventi. Per ogni dubbio sul sito dell’Agenzia delle Entrate trovi una guida utile.

Chiudi le finestre
Fai attenzione ai ricambi d’aria, la mattina siamo tutti abituati a spalancare le finestre per riciclare l’aria. In inverno è meglio farlo per molto meno tempo e soprattutto evitando di spalancare tutte le finestre di tutte le stanze.

Se sei in casa nelle ore pomeridiane, considerate le più calde, approfitta di quel momento per aprirle, ovviamente lo stretto necessario.

Distinto, soprattutto quando arriviamo da fuori, saremmo tutti tentati dallavere in casa un clima quasi estivo ma il costo della bolletta sarebbe quasi folle. Applicare anche tutti i consigli per risparmiare sul riscaldamento non è affatto un sacrificio e in più aiuta anche ad inquinare meno.

Cosa Sono le Carte di Credito Revolving

Sappiamo tutti cosa sia una carta di credito, ma a volte incontriamo dei termini facenti parte del gergo del banking di cui ignoriamo il significato.

Il mondo bancario e finanziario sono noiosi per molti, ma dato che sono proprio questi settori a gestire il nostro denaro, allora concorderai se dico che vale la pena di fare sempre uno sforzo.

Un carta di credito revolving è una banalissima carta di credito, ma con ulteriori vantaggi e flessibilità. Una carta revolving da la possibilità di ottenere un prestito, permettendo a chi la possiede di spendere dei soldi indipendentemente dalla disponibilità sul conto. Il debito può essere estinto in rate. Il pagamento rateizzato avviene con delle rate mensili con un importo minimo che generalmente è il 5 % dell’intero debito. Il titolare della carta può scegliere di variare l’importo della rata, l’importante è che sia sopra il minimo suddetto. C’è la possibilità di restituire l’importo in un’unica soluzione, senza pagare nessun interesse.
Trattandosi di un vero e proprio prestito, ovviamente si pagano degli interessi.

Nel caso in cui il saldo del conto corrente in negativo superi il fido (massimo prestito concesso) accordato con la banca, si ha una spesa in più, una commissione di massimo scoperto.

Le carte revolving, le carte con il finaziamento incorporato, si stanno diffondendo sempre più in Italia, nonostante gli elevati costi di gestione.