Come Investire in Diamanti

Il diamante è un cristallo trasparente, costituito da atomi di carbonio, disposti secondo una struttura tetraedrica. Esso possiede numerose virtù chimico fisiche, estrema durezza, alto grado di dispersione ottica, elevatissima conducibilità termica, grandissima resistenza alle più svariate classi di agenti chimici, basso coefficiente di dilatazione termica e totale idrorepellenza. I legami covalenti atomici ne fanno una pietra eccezionalmente stabile e tenace. Per tutte le doti menzionate, il nostro minerale viene adulato dal settore tecnologico ed industriale, per la fabbricazione di materiali semiconduttori e per la costruzione di utensili artigianali. Ma, è in gioielleria, che la gemma esprime tutto il suo fascino e la sua infinita bellezza. Attualmente, esistono quattro parametri che ne identificano la preziosità: la purezza, il colore, il taglio e la caratura. Per ciascuno dei quattro criteri di classificazione, è possibile trovare livelli di minimo e di massimo che, considerati insieme, permettono ai gemmologi di valutare e prezzare ogni singola pietra.

Proprio per la sua forte attitudine ad esprimere e conservare ricchezza, è possibile utilizzare il diamante per fare trading, come qualsiasi altra commodity. Vediamone anzitutto i vantaggi. Si tratta di un bene rifugio d’eccellenza che supera indenne crisi economiche, conflitti politici e catastrofi ambientali. La sua “tradability” non ha eguali, in quanto può essere acquistato, scambiato e rivenduto in tutto il mondo, garantendo allo stesso tempo, segretezza, anonimato e facilità di trasporto. Grazie alla sua rarità ed al regime di oligopolio delle pochissime aziende produttrici, si comporta come un normale asset patrimoniale, in grado di custodire valore, da trasmettere di generazione in generazione.

Inoltre, in caso di rivendite successive, i capital gains ottenuti, non sono soggetti ad alcun tipo di imposizione fiscale. La mia mano cartesiana mi impone di includere, nella discettazione, anche qualche lato negativo che impone grande accortezza operativa. Il presupposto è che le pietre ammesse alla reale negoziazione, da parte di banche, grossisti o società d’investimento, sono unicamente quelle che rispondono a requisiti particolarmente severi: certificati di autenticità dei migliori istituti gemmologici mondiali (I.G.I, H.R.D, oppure G.I.A.); altissima qualità per colore e purezza; taglio esclusivamente rotondo (57 faccette più una) e peso ammissibile a partire da un minimo di 0,5 – 1 carato, a salire. Parliamo di un investimento di almeno di 50 000 – 70 000 $ (in caso contrario, siamo nel campo della pura e semplice contrattazione tra privati). Inoltre, posso dirvi che non esiste un vero e proprio book ufficiale di negoziazione, aperto agli utenti globali: l’unico listino consultabile è il Rapaport, ad uso esclusivo di wholesalers ed investitori istituzionali. Da ultimo, c’è da considerare il rischio di cambio, in quanto le quotazioni sono formulate in dollari americani.

Vi ho delineato vizi e virtù di un investimento che racchiude raffinate potenzialità di protezione patrimoniale, più che di mera e repentina speculazione. Infatti, attraverso il diamante, è possibile preservare, nel tempo, il valore del proprio capitale iniziale, oltre ad una lenta, seppur progressiva, rivalutazione (4 – 5%), superiore al tasso di inflazione imperante. Pertanto, se possedete caveaux di rispetto, casseforti fidate o visi femminili vanitosi, a cui affidare tanto prestigio, io consiglio di considerare tale asset, nella pletora delle vostre scelte di medio-lungo termine.i ho delineato vizi e virtù di un investimento “sui generis” che racchiude raffinate potenzialità di protezione patrimoniale, più che di mera e repentina speculazione. Infatti, attraverso il diamante, è possibile preservare, nel tempo, il valore del proprio capitale iniziale, oltre ad una lenta, seppur progressiva, rivalutazione (4 – 5%), superiore al tasso di inflazione imperante. Pertanto, se possedete caveaux di rispetto, casseforti fidate o visi femminili vanitosi, a cui affidare tanto prestigio, io consiglio di considerare tale asset, tra le vostre scelte di medio lungo termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *