Come Capire i Volumi

Gli investitori spesso e volentieri ignorano e male interpretano i volumi. Sebbene forti volumi, uniti a un movimento verso l’alto nei prezzi, siano visti, di solito, come un segno positivo, spesso vengono ignorati, soprattutto quando si presentano forti volumi di scambio alle estremità di prezzo.
Allo stesso modo, forti volumi di scambio dopo un lungo declino dei prezzi – visto normalmente come negativo – potrebbero essere visti come un segno che il declino sta ormai arrivando a una conclusione.

Unire i range di prezzo e i volumi in un singolo schema o grafico equivolume vi permette di vedere l’interazione tra gli acquirenti e i compratori. Questi elementi vi mostrano come il movimento del prezzo in quel punto sia facile o difficile.

Quando si guarda ai rettangoli su un grafico equivolume, i giorni in cui lo spread di scambi è stretto (corto) e il volume è alto, sono definiti come “short wide days”, giorni in cui l’ampiezza è minima. Questi sono i giorni in cui l’azione incontra delle resistenze a un movimento verso l’alto o verso il basso. Sebbene i volumi siano elevati, l’azione non è in grado di fare un movimento consistente. Nei giorni in cui il range di scambi è sostenuto su volumi poco consistenti, i rettangoli saranno alti e stretti. Qui l’azione è in grado di muoversi abbastanza agilmente.

I movimenti di prezzo

Per i trader e gli investitori i massimi (e i minimi) sono aree importanti su un grafico. I massimi sono utili per gli investitori di breve termine perché rappresentano i punti per chiudere le posizioni delle azioni che possiedono. Per gli investitori che cercano di ottenere il timing delle posizioni di lungo termine, i massimi possono servire da bandiera gialla, e indicare che si potrebbe ritardare un acquisto.

Ci sono tre tipi di movimento delle azioni: verso l’alto, verso il basso e laterale. Alla fine di un movimento verso l’alto – un massimo – tutto quello che si può comprendere è che il movimento verso l’alto è finito. Dal quel punto l’azione può invertire la tendenza e iniziare a crollare o a entrare in un periodo di movimenti laterali.

Durante un movimento verso l’alto nel prezzo, la domanda per l’azione è più grande dell’offerta. I compratori che vogliono l’azione fanno offerte che porteranno a crescere il prezzo. Questo movimento verso l’alto continua fino a quando si raggiunge un equilibrio tra domanda e offerta, e, a quel punto, termina la spinta verso l’alto. Questo non significa che il prezzo non crescerà in futuro, ma semplicemente che in quel momento la spinta si è esaurita.

Dato che tutto quello che sapete per certo è che il movimento mediano verso l’alto è arrivato a una conclusione, i trader dovrebbero agire solo su una “fase di mercato” alla volta; quando finisce un movimento verso l’alto, potrebbe essere arrivato il momento per vendere. Tuttavia, un ulteriore evento potrebbe presentarsi, almeno fino a quando il titolo non si stabilizza in un nuovo trend, verso l’alto o verso il basso. Spesso il prezzo entrerà in un periodo di movimenti laterali e dovreste aspettare fino a quando il prezzo fa un movimento fuori da questa zona di congestione prima di stabilirsi in una nuova posizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *